Scegliere il camino: tutto quello che c’è da sapere

Calamita gli sguardi e riscalda l’ambiente, garantendo il massimo risparmio. Riscaldare la casa con il camino significa aggiungere un elemento d’arredo complice di serate con gli amici, di serate invernali passate a leggere libri alla luce rassicurante del fuoco. In attesa che arrivi l’inverno e le sue temperature rigide meglio prepararsi per tempo. Ecco allora qualche utile consiglio per scegliere il camino più adatto alle esigenze della casa.

Innanzitutto è bene valutare la collocazione di questo elemento d’arredo, non solo perché il camino darà un valore aggiunto alla stanza che lo ospiterà, ma anche perché la struttura dovrà armonizzarsi con l’ambiente in cui si trova.

I camini possono avere diverse forme di alimentazione: a legna, a gas o con il bioetenolo.

scegliere il camino

Scegliere il camino: tutto quello che c’è da sapere
A LEGNA

Il camino a legna, magari in muratura, comporta un po’ di manutenzione e qualche fastidio in più di pulizia ma ha un fascino unico e implica sempre la presenza di una canna fumaria e di una buona areazione degli ambienti.

scegliere il camino

A GAS

Il camino a gas è la soluzione adatta per chi desidera riscaldare ambienti di vaste dimensioni e permette di essere installato anche in appartamenti che difficilmente potrebbero essere idonei ad un normale camino a legna. Il reale vantaggio, in questo caso, è proprio la pulizia e la semplicità di gestione.

scegliere il camino

A BIOETANOLO

Anche i modelli a bioetanolo, così come quelli a gas, sono azionabili solitamente tramite un telecomando e non necessitano di una canna fumaria. Non hanno bisogno della connessione alla rete del gas o alla rete elettrica e sono semplici da installare. Basta creare una nicchia ed incassarli nel muro, nel cartongesso o nel legno. Il bioetanolo, inoltre, è un alcool prodotto attraverso un processo di fermentazione da diversi prodotti agricoli ricchi di carboidrati e zuccheri: la fiamma prodotta è dunque eco-friendly e non produce gas tossici.

scegliere il camino

A PELLET

Negli ultimi anni sono arrivati i camini a pellet. Ce ne sono alcuni che permettono di coniugare più caratteristiche: ottime prestazioni, bassa emissione di sostanze inquinanti, praticità di accensione e grande sicurezza. Alcuni particolari modelli inoltre, detti termocamini, consentono di riscaldare anche l’acqua per i termosifoni, per ottenere un ulteriore risparmio sulle bollette.

Qualunque soluzione scegliate di adottare, puntate sull’acquisto di un prodotto performante. Un requisito fondamentale non solo per il proprio benessere ma anche per soddisfare le attuali normative ed evitare limitazioni antinquinamento, con la possibilità di accedere a detrazioni fiscali in caso di ristrutturazione o per il risparmio energetico.

  • Vuoi riscaldare la casa con il camino? Collegati su Secondamano.it!

Photo credit: www.artedelcaminetto.it